Calcolo Tfr dipendenti privati: come fare?

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

Saper effettuare il calcolo Tfr quando si è dipendenti privati è importante per diversi motivi. Uno di questi è legato alla cessione del quinto. Se si vuole avere un’idea su quanto sia possibile ottenere richiedendo una cessione del quinto, occorre saper fare il calcolo Tfr.

Il calcolo tfr, infatti, è alla base della cessione del quinto, in quanto il tfr costituisce la garanzia di questa forma di finanziamento. Il tfr accantonato viene vincolato alla cessione del quinto fino ad avvenuta estinzione. Ciò non vuol dire che l’azienda debba versare il tfr alla finanziaria per metterlo a garanzia, ma solo che legalmente il tfr è vincolato alla cessione, come se vi fosse un’ipoteca su di esso. In caso di licenziamento l’azienda provvederà concretamente la parte di tfr sufficiente ad estinguere la cessione del quinto.

Quando si vuole chiedere un preventivo di cessione del quinto, il calcolo tfr è molto importante e l’importo del tfr è un dato richiesto dalla finanziaria. A questo punto ci sono due strade per effettuare il calcolo tfr e per fornire il dato. La prima strada è chiedere il certificato di stipendio all’azienda, ovvero un documento che l’azienda compilerà e in cui, tra gli altri dati, viene in genere riportato anche il tfr accantonato. Nel caso in cui non si volesse chiedere subito il certificato di stipendio, e si volesse ottenere un preventivo di cessione del quinto, può essere necessario fornire il dato del tfr e in questi casi, per avere un preventivo più corretto, è necessario saper effettuare il calcolo tfr.

Ci sono diverse strade che è possibile percorrere per procedere con il calcolo tfr, in base alle informazioni riportate sui documenti a propria disposizione che sono la busta paga e il cud. Abbiamo visto in due articoli precedenti come leggere una busta paga e come leggere il modello cud (vi invitiamo a leggerli per capire meglio dove reperire i dati utili).

Il modello Cud può essere utile ai fini del calcolo tfr, in quanto in esso generalmente vengono riportati gli importi del tfr accantonato, sia in fondi tfr che in azienda, e sono generalmente visibili anche eventuali anticipi percepiti in passato. Tramite il modello Cud, dunque, è possibile effettuare il calcolo tfr, ma solo del tfr aggiornato al 31 dicembre dell’anno precedente. Un tfr più basso, però, nella maggior parte dei casi consente di ottenere importi più bassi tramite cessione del quinto, per cui è importante saper effettuare il calcolo tfr in modo completo, ovvero aggiornare il dato calcolato da cud con il tfr maturato nell’anno in corso.

Per fare ciò occorrono le buste paga. Sulle buste paga generalmente viene riportato l’importo del tfr accantonato nel mese di riferimento. In questo caso basterà sommare al risultato del calcolo tfr effettuato da cud gli importi degli accantonamenti mensili di tfr presenti su tutte le buste paga dell’anno in corso. In questo modo si otterrà il tfr totale maturato fino a quel momento.

A volte l’importo del tfr totale maturato fino al 31 dicembre dell’anno precedente viene indicato nella parte bassa della busta paga. Si può in questi casi usare quell’importo sommandolo agli accantonamenti mensili per effettuare il calcolo tfr totale.

Se siamo fortunati, sulla busta paga potrebbe essere riportato ogni mese il dato aggiornato del tfr maturato nell’anno in corso. Per effettuare il calcolo tfr totale, occorrerà quindi sommare l’importo del tfr maturato fino al 31 dicembre con il dato del tfr dell’anno in corso. Chiaramente, possiamo prendere il primo dato da Cud o da busta paga quando riportato.

E’ importante sottolineare che, se si è un dipendente privato, un preventivo fatto senza che vi venga chiesto l’importo del tfr o dei dati per ricavarlo è sicuramente un preventivo errato. Certamente, per avere un preventivo di cessione del quinto più preciso, l’unico modo è fornire il certificato di stipendio.

Prestitoa.it

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+
Calcolo Tfr dipendenti privati: come fare? ultima modifica: 2014-05-07T14:54:09+00:00 da prestitoa