Cessione del Quinto: le Garanzie Richieste

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

La cessione del quinto è un prestito personale che garantisce al cliente nuova liquidità anche se in questo momento ci sono evidenze negative in banca dati per ritardi di pagamento, protesto o un pignoramento. Questo è possibile in quanto l’ente erogante, banca o finanziaria, richiede a tutela del credito concesso maggiori garanzie, quali:
– modalità di rimborso delle rate mensili
– vincolo sul TFR accantonato e futuro
– polizza rischio vita
– polizza rischio impiego
Per tutti questi motivi è possibile ottenere un prestito tramite cessione del quinto anche in presenza di fattori penalizzanti il profilo creditizio del richiedente.

In merito alla modalità di rimborso, a differenza dei tradizionali prestiti personali, le rate della cessione del quinto non saranno addebitate sul conto corrente del cliente, ma direttamente trattenuta dal reddito mensile. Nel caso del dipendente sarà cura del datore di lavoro trattenere l’importo della rata dalla busta paga del dipendente e bonificare a favore della finanziaria erogante l’importo dovuto. Per i pensionati invece la rata sarà trattenuta dalla pensione da parte dell’ente previdenziale di appartenenza e anche in questo caso sarà versata alla finanziaria che ha concesso il prestito tramite cessione del quinto.

Il vincolo sul TFR vale esclusivamente per i dipendenti. Contestualmente alla firma contratti, il cliente vincola a favore della finanziaria il TFR accantonato fino a quel momento e quello futuro fino a copertura del debito residuo del prestito tramite cessione del quinto. Nel caso in cui il dipendente si licenzi prima di aver estinto il debito in essere, il TFR accantonato andrà a coprire quota parte del debito residuo. Se l’importo del trattamento di fine rapporto è maggiore rispetto al conteggio del prestito da saldare, la quota parte eccedente tale conteggio sarà versata al dipendente. Viceversa il debito residuo non estinto dovrà comunque essere riconosciuto alla finanziaria. In questi casi il dipendente potrà estinguere con mezzi propri il debito ancora in essere o in alternativa la finanziaria notificherà una nuova trattenuta sulla nuova busta paga del dipendente.

Le polizze rischio vita e rischio impiego tutelano il cliente nei casi di rischio vita e rischio perdita posto di lavoro.

Compila il form qui sopra e richiedi un preventivo gratuito!

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+
Cessione del Quinto: le Garanzie Richieste ultima modifica: 2012-11-30T18:24:51+00:00 da prestitoa