Come chiedere un aumento di stipendio

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

Come chiedere un aumento di stipendio?

Sicuramente tanti di voi si saranno posti questa domanda. Ogni giorno andando a lavoro tante persone sentono di valere di più, di lavorare e di mettercela tutta, ma di non essere ripagati adeguatamente.

Alcune statistiche dimostrano come meno del 25% dei lavoratori annualmente ottengono un aumento di stipendio, per cui la maggior parte non lo ottiene. In questo articolo diamo alcuni consigli su come chiedere un aumento di stipendio al proprio datore di lavoro.

1. Fissare un appuntamento:

La prima cosa da fare è chiedere un incontro con il proprio datore di lavoro o con il proprio responsabile. In questa fase è importante non citare il motivo dell’incontro nello specifico, in quanto il fine è ottenere l’incontro per poter spiegare le proprie ragioni. Esponendo subito la motivazione si rischierebbe di non riuscire a raggiungere l’obiettivo.

2. Preparazione

Per chiedere un aumento di stipendio dovete basarvi su dati concreti. La preparazione è, quindi, essenziale. Verificate quali siano gli stipendi medi nel settore o nell’azienda stessa, ma in fase di colloquio non fate nomi di colleghi, non è carino.

3. Saper aspettare

L’attesa è un fattore cruciale. Come in tutte le cose, anche al fine di chiedere un aumento di stipendio scegliere il momento giusto e molto importante. Bisogna sempre cogliere le persone in un momento buono, e non in momenti di tensione che possano sfociare in risposte negative. Inoltre è importante porsi alcuni quesiti, come ad esempio se il datore di lavoro vi abbia concesso già un aumento negli ultimi mesi, in questo caso bisognerebbe chiedersi perché si meriti un nuovo aumento. Bisogna chiedersi se l’impegno messo nel proprio lavoro possa giustificare un aumento, eventualmente anche in questo caso relazionandosi alle prestazioni lavorative dei colleghi. Poste queste domande, bisogna attendere il momento buono. Generalmente è dopo un periodo di lavoro continuativo e produttivo.

Studi dimostrano che il miglior giorno della settimana per richiedere un aumento di stipendio è il venerdì, in particolar modo al pomeriggio.

In questo modo il superiore avrà modo di riflettere nel fine settimana e di preoccuparsi circa l’eventualità che il lavoratore possa andare via.

4. Esponete in modo convincente i vostri punti di forza

Immaginate di essere un venditore e di vendere un prodotto. Per farlo al meglio sicuramente esporreste nel dettaglio i vantaggi e i punti di forza del prodotto che state vendendo. In questo caso il prodotto siete voi, o meglio, il servizio che svolgete nell’azienda in cui lavorate. Motivatelo con dati concreti, come aumenti della produttività, riduzione di costo ecc.. Non è importante fare un’opera di convincimento, ma esporre dei dati reali e delle motivazioni concrete, perché per chiedere un aumento di stipendio questa è l’unica cosa che conta, soprattutto nei casi in cui il vostro interlocutore non sia la persona preposta a prendere la decisione finale. Soprattutto in aziende più grandi, spesso le decisioni vengono prese basandosi solamente sui numeri, tralasciando l’aspetto relazionale con i dipendenti, cosa che può influire in piccole imprese in cui il dipendente sia a stretto contatto con il datore di lavoro.

5. Cosa fare in caso di risposta negativa

Chiedere un aumento di stipendio deve essere per voi una cosa naturale. In altri paesi è assolutamente lecito e maggiormente frequente che una persona che ritenga di essere sottopagata e di svolgere un lavoro che contribuisca maggiormente alla ricchezza dell’azienda chieda un aumento, senza per questo sentirsi in difetto nei confronti del datore di lavoro.

In caso di risposta negativa, dovrete essere voi a valutare la risposta e a decidere di conseguenza, trovando un nuovo lavoro, oppure prendendo atto della decisione del vostro datore di lavoro, ma continuando a svolgere al meglio il vostro mestiere. Potrete, infatti, sempre riprovare in futuro.

In conclusione, per chiedere un aumento di stipendio, oltre che la scelta del momento più opportuno, le cose principali da tenere in considerazione sono i dati concreti, ovvero le motivazioni che dovrebbero spingere l’azienda a concedervi l’aumento, e la convinzione di meritare davvero l’aumento richiesto.

Se hai un’esperienza da raccontarci scrivi nei commenti la tua storia e raccontaci come, secondo te, sia meglio chiedere un aumento di stipendio.

Prestitoa.it

 

 

 

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+
Come chiedere un aumento di stipendio ultima modifica: 2014-05-06T11:50:30+00:00 da prestitoa