Il congedo di paternità Inps: quando è possibile richiederlo

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

In presenza di determinate condizioni che riguardano la madre del bambino è possibile richiedere il congedo di paternità.

In particolare si può chiedere il congedo di paternità Inps in casi quali:

  • Grave infermità o morte della madre: In caso di morte della madre occorre presentare telematicamente una dichiarazione di responsabilità, mentre occorre presentare la documentazione sanitaria in busta chiusa presso il centro medico legale Inps, presso uno sportello Inps o via posta.
  • Abbandono del figlio da parte della madre: In caso di mancato riconoscimento del figlio da parte della madre o di abbandono il padre può chiedere il congedo di paternità Inps  presentando telematicamente attestazione di responsabilità.
  • Affidamento esclusivo al padre: In questi casi va allegata telematicamente la documentazione giudiziaria della sentenza di affidamento o una dichiarazione di responsabilità che riporti gli estremi del provvedimento del tribunale.
  • Rinuncia da parte della madre in caso di adozioni o affidamenti di minori: La madre dovrà compilare telematicamente una dichiarazione di responsabilità.

La data in cui si verifica uno di questi eventi coincide con la decorrenza del periodo di congedo di maternità non utilizzato.

Dal 2012 sono stati introdotti per il padre degli ulteriori diritti indipendenti dai diritti della madre quali:

  • Il padre lavoratore dipendente entro 5 mesi dalla nascita del figlio può usufruire di un congedo di paternità inps di 1 giorno ricevendo il 100% della retribuzione equivalente.
  • Il padre lavoratore dipendente può ottenere un congedo di paternità inps sostituendo la madre per un ulteriore periodo di 2 giorni ricevendo il 100% della retribuzione a lui spettante.

Per il congedo di paternità inps al padre spetta l’80% della retribuzione giornaliera calcolata sulla base della retribuzione ottenuta nell’ultimo periodo di lavoro precedente il congedo di paternità inps. Generalmente è il datore di lavoro ad anticipare il pagamento in busta paga salvo che per i lavoratori stagionali, agricoli, disoccupati, lavoratori a termine, saltuari o dello spettacolo.

Il pagamento effettuato direttamente dall’Inps avviene tramite bonifico presso il conto corrente o presso un ufficio postale.

VAI ALL’ARTICOLO SUL CONGEDO DI MATERNITA’ INPS

VAI ALL’ARTICOLO SUL CONGEDO DI MATERNITA’ INPS PER ADOZIONE

VAI ALL’ARTICOLO SU COME FARE LA DOMANDA

Prestitoa.it

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+
Il congedo di paternità Inps: quando è possibile richiederlo ultima modifica: 2014-05-09T15:00:42+00:00 da prestitoa