Pratica Respinta Compass: Cosa Fare?

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

Pratica respinta Compass: cosa fare? Questa è la domanda di un nostro cliente il quale si è rivolto a noi perché disorientato su cosa fare a seguito del rifiuto di una richiesta prestito personale Compass. Per prima cosa occorre capire la motivazione per cui la pratica di prestito personale Compass è stata respinta.
Possiamo generalizzare 5 casi per cui un ente erogante non accetta una richiesta di prestito personale:
– recenti richieste di prestito personale fatte ad altri istituti
– cliente segnalato in banca dati Crif, Experian per ritardi di pagamento di altre rate in corso
– eccessivamente indebitato
– nullo in banca dati
– garante di un prestito personale mal pagato 

Pratica respinta Compass per recenti richieste di prestito personale fatte ad altri istituti.
In questo caso la finanziaria ha declinato la nuova richiesta di prestito personale in quanto presenti altre richieste in banca dati. Ogni richiesta inoltrata ad una finanziaria o banca, anche tramite internet, può determinare la segnalazione automatica di nuova richiesta di prestito personale. Questo comporta un effetto a catena per cui il secondo istituto, e i successivi a catena, declinano la pratica di prestito personale per recenti altre richieste.
Cosa fare? In questi casi è possibile valutare un prestito personale tramite cessione del quinto o delega di pagamento; entrambi i finanziamenti non tengono conto delle recenti richieste presenti in banca dati.

Pratica respinta Compass per segnalazioni negative in banca dati Crif o Experian.
Con la segnalazione di ritardi di pagamento una richiesta di prestito personale è automaticamente respinta.
Cosa fare? Anche in questo caso la soluzione della cessione del quinto o delega di pagamento offrono la possibilità di ottenere nuova liquidità. Fino a quando non si cancelleranno le segnalazioni negative in banca dati, la strada del prestito personale sarà una soluzione impossibile. Consigliamo, nel caso in cui si intenda procedere con cessione del quinto o delega di pagamento, di regolarizzare le rate in arretrato una volta ottenuta la nuova liquidità.

Pratica respinta Compass eccessivo indebitamento.
Troppe rate in corso  possono ridurre a soglie minime il reddito mensile percepito dal cliente. Tendenzialmente possiamo ipotizzare un reddito minimo di sussistenza di € 500 minimi mensili. Ciò significa che, detratte le rate in corso per i vari prestiti personali dal reddito mensile percepito, al cliente devono rimanere almeno € 500 mensili per la sopravvivenza. Questo dato è indicativo e determinato da finanziaria a finanziaria.
Cosa Fare? In questi casi, se si intendesse procedere con la cessione del quinto o la delega di pagamento, consigliamo di consolidare tutti o parte dei prestiti in corso così da non aumentare eccessivamente la propria esposizione mensile e garantire il regolare ammortamento di tutti i finanziamenti in corso.

Pratica respinta Compass nullo in banca dati.
Per nullo in banca dati si intende colui che non ha mai ottenuto un prestito personale e pertanto risulta non censito in nessuna banca dati creditizia. Il fatto di non aver mai richiesto ed ottenuto prestiti personali, quindi non essere presenti in banca dati, determina una forte difficoltà da parte dell’ente erogante nel decidere se deliberare o meno una richiesta di finanziamento. Per chi ha già sostenuto prestiti, o per chi ne ha in corso, la cosa è più semplice perché proprio le banche dati attesteranno la regolarità nei pagamenti delle rate. Non avendo mai acceso un prestito personale la finanziaria potrà decidere di non accettare una richiesta di finanziamento se non garantita da una seconda firma.
Nel caso di cessione del quinto invece non è richiesta ne la presenza in banca dati ne la firma di un garante; questo prestito infatti consente l’accesso al credito anche a chi risulta nullo in banca dati.

Pratica respinta Compass perché garante di un prestito personale mal pagato.
La firma di garante in un prestito personale vincola l’accesso al credito sia per l’aumento della propria esposizione debitoria, sia per la responsabilità del regolare pagamento delle singole rate del prestito. Nel caso in cui il primo richiedente non paghi regolarmente le rate di un finanziamento, le segnalazioni negative in banca dati coinvolgeranno a cascata anche il garante. Quest’ultimo incontrerà parecchie difficoltà nell’accesso al credito, esclusa l’ipotesi della cessione del quinto e/o delega di pagamento.

Per qualsiasi chiarimento o consiglio scrivici sul nostro blog. Per una consulenza gratuita clicca qui ed affidati ai nostri consulenti.

PrestitoA.it 

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+
Pratica Respinta Compass: Cosa Fare? ultima modifica: 2013-04-24T16:20:46+00:00 da prestitoa