Prestito BancoPosta

Prestito BancoPosta

Il prestito BancoPosta è la soluzione di prestito proposta da Poste italiane. Il prestito BancoPosta è un finanziamento dedicato a coloro che abbiano attivo almeno un conto BancoPosta, il conto corrente offerto da Poste italiane.

L’importo massimo ottenibile con il prestito BancoPosta è 30.000 euro e viene erogato direttamente sul conto corrente del richiedente ed è possibile scegliere tra varie durate in base alla propria possibilità di spesa mensile.

Chiaramente nella valutazione del prestito BancoPosta sarà valutato il rapporto rata reddito e la sostenibilità della rata da parte del richiedente.

L’importo minimo del prestito Bancoposta è, invece, 1.500 euro e le durate variano da 12 a 84 mesi, punto senza dubbio sfavorevole in quanto una durata massima di 120 mesi invece che 84 avrebbe consentito di ottenere importi maggiori con rate più basse.

Anche l’addebito delle rate del prestito BancoPosta avviene direttamente dal conto corrente del richiedente, non sono previste spese di istruttoria, spese di gestione e incasso rata e anche le comunicazioni periodiche non prevedono il pagamento di alcun importo.

E’ possibile scegliere se aggiungere o meno al prestito BancoPosta anche una copertura assicurativa.

Prestito BancoPosta: possibili cause di prestito negato

Molti non sanno che Poste Italiane non eroga il prestito BancoPosta direttamente, ma si avvale del supporto di istituti di credito, generalmente di finanziarie. In questo periodo il prestito BancoPosta viene offerto in base ai prodotti e alla collaborazione con Compass S.p.A., mentre prima era Deutsche Bank ad erogare il Prestito BancoPosta.

Ne consegue che, chi abbia già avuto a che fare con Compass e abbia avuto con loro dei problemi o ricevuto dei rifiuti, anche se le segnalazioni fossero state cancellate dalle banche dati creditizie, non potrebbe più rivolgersi a Compass e di conseguenza nemmeno ottenere il prestito BancoPosta.

Questo discorso vale anche per tutti gli altri enti che offrono un prodotto di finanziamento che, però, viene erogato da un altro istituto. E’ opportuno sempre verificare chi sia l’erogatore del finanziamento in modo da evitare quegli istituti di credito con i quali si abbiano già avuto delle problematiche.

Esiste un’alternativa!

In caso non sia possibile ottenere il prestito BancoPosta per le cause che abbiamo appena visto è possibile ricorrere ad un’alternativa. Quella di cui parliamo è la soluzione di tanti altri problemi come:

  • – cerchi un finanziamento e non sai a chi rivolgerti perché non ne hai mai fatti
  • – hai già un finanziamento ma hai tardato delle rate
  • – sei segnalato nelle banche dati creditizie per un prestito insoluto e 

    Scopri di piùPrestito BancoPosta

Cosa Succede Quando Non Si Paga un Prestito

Cosa succede quando non si paga un Prestito

Chiedersi cosa accada se non si paga un prestito è un interrogativo molto frequente. E’ infatti una domanda che ci viene fatta spesso dai nostri lettori, soprattutto negli ultimi tempi, vista la crisi e le sempre maggiori difficoltà che hanno le persone nel far fronte ai propri impegni di tipo finanziario.

Cosa succede quando non si paga un Prestito: il Recupero Crediti

Spesso chi ci pone le domande fa riferimento al

Scopri di piùCosa Succede Quando Non Si Paga un Prestito

Come Verificare Tassi Usurai

Come Verificare Tassi Usurai

Vi proponiamo oggi un articolo certamente utile a chi ha richiesto finanziamenti o sta per richiederne. In particolare parleremo dei Tassi Usurai scoprendo le modalità con cui riconoscerli. Infatti, saper verificare i tassi usurai dei finanziamenti è molto importante al fine di verificare la regolarità di un finanziamento.

Non bisogna pensare che le banche non possano

Scopri di piùCome Verificare Tassi Usurai

Usura Mutui: I Tribunali danno torto alle Iene?

Quello sull’usura dei mutui e dei finanziamenti e sugli interessi di mora è stato uno dei servizi più interessanti delle Iene fatti negli ultimi tempi. Il servizio visibile a questo link sottolineava una sacrosanta verità, ovvero che quando le banche sbagliano è possibile richiedere dei risarcimenti.

Fermo restando che è opportuno verificare il proprio contratto di finanziamento o di mutuo acquisto casa, in modo da capire se il tasso applicato sia nei limiti di legge e che, qualora non lo fosse, sarebbe possibile richiedere un risarcimento, ciò che bisogna chiarire è

Scopri di piùUsura Mutui: I Tribunali danno torto alle Iene?