Comprare vendere auto

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Whatsapp
Whatsapp
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin

Hai intenzione di vendere auto privatamente? Questo è l’articolo giusto per te. Oggi parleremo proprio di come è possibile comprare o vendere auto in tutta Italia.

Partiamo dalla vendita.

Sicuramente se la tua intenzione è quella di vendere auto usate puoi percorrere molte strade. È anche vero che però non è molto semplice e sicuro farlo senza qualcuno che se ne intenda o sappia dove e come indirizzarti. Il mercato delle auto è molto vasto e ci sono tipologie di vendita tra le più disparate, questo vuol dire che in questo preciso momento ci sono molteplici – e ipotetici – venditori di auto in giro.

In passato, comprare auto usate era una pratica poco comune mentre oggi è diventata quasi la normalità, anche grazie a tutte le possibilità che ci sono sul mercato. In effetti, diversamente da quanto concepito in precedenza, è possibile anche acquistare auto usate con pagamento a rate.

L’acquisto sia allora che oggi si premura di un’attenzione particolare per le varie promozioni. Diciamo pure che il mercato si è aperto, per cui possiamo considerare la realtà attuale come un buon momento per la vendita di auto usate.

Essendoci attualmente molta domanda, è sicuramente valido proporre un’offerta poiché ciò che avviene ultimamente è una sorta di economia circolare, dove io, proprietario di auto, non solo andrò a vendere la mia auto ma, molto probabilmente, ne comprerò a mia volta un’altra. Non sarà dunque impossibile leggere annunci con su scritto “vendo e compro auto”.

Qualora quindi volessi vendere la tua utilitaria, liberandotene, oppure vendere qualsiasi altro tipo di auto, sei fortunato! Ad oggi ci sono svariate possibilità per farlo, sebbene è importante seguire alcune regole essenziali affinché la transazione possa andare a buon fine e tu riesca a vendere l’automobile con successo.

Abbiamo dunque parlato di annunci, questo perché i siti di vendita auto hanno ormai invaso il web. È altrettanto giusto dire, però, che questi non rappresentano l’unico canale di vendita poiché, per quanto possa essere vasto il mercato, oltre alle possibilità, anche le modalità sono svariate.

I canali per vendere la tua auto

  • Siti web: il vantaggio principale risiede nella semplicità. “Vendesi auto Lombardia” ad esempio, come chiave di ricerca, apre un mondo. Creare un annuncio è piuttosto semplice basta inserire i dati dell’auto e le caratteristiche tecniche. D’altro canto possono esserci anche degli svantaggi, in primi le tempistiche e l’esito, poiché qualsiasi trattativa ha il 50% di possibilità di andare a buon fine o fallire. Scopri tutti i principali portali ☛
  • Riviste: seguono la falsa riga di quanto detto precedentemente sui siti web di annunci. Anche le riviste hanno gli stessi pro e contro, con l’unica differenza di non poter essere raggiungibili tanto quanto un sito web. Ad esempio, se cerchiamo “auto Emilia Romagna” sarà molto più semplice provare a indirizzare la nostra ricerca su riviste e giornali di quella zona.

  • Siti specializzati: a differenza di quelli generici in cui gli annunci fanno da padrone, questi siti specializzati consentono la vendita diretta dopo la fissazione del prezzo. È importante fare attenzione perché, benché più specifici, se il sito non è professionali potremmo incorrere nel rischio di truffa.

  • Siti di aste: altra versione di portale online, questo si avvale per la maggiore del risultato di sequestri e/o pignoramenti. Sicuramente il pro è relativo alla vendita a basso costo, pur restando in capo al miglior offerente. D’altro canto c’è sempre l’incertezza del risultato, poiché qualcuno potrebbe essere disposto a un esborso superiore a quello che noi avevamo preventivato.

  • Concessionaria: un po’ come farlo alla vecchia maniera. Tra i fattori positivi c’è sicuramente la possibilità di vedere e provare l’auto e, cosa ancora più importante, è possibile dare in permuta la propria per acquistarne una nuova. Il prezzo di acquisto dell’auto usata è sicuramente inferiore alla media, in compenso la transazione è certa e affidabile.

Non è da escludere la possibilità di iniziare col classico passaparola: un metodo sicuro che, grazie a parenti ed amici, potrà permetterti di diffondere la notizia anche se il tuo bacino di utenza rischia di rimanere limitato a conoscenti e amici di amici. Ciò in cui si incorre è il voler accontentare il nostro acquirente poiché un soggetto conosciuto, questo unico limite ci priverà della possibilità di chiedere una quotazione più elevata.

Per quanto riguarda la vendita e l’acquisto di auto, le concessionarie e le agenzie restano la metodologia migliore poiché stiamo avendo a che fare e ci affidiamo a venditori professionali, capaci di tutelarci maggiormente e di consegnarci una vettura in buono stato poiché, prima di essere riemessa sul mercato, è stata sicuramente controllata e rimessa a nuovo. Non meno importante è la parte burocratica!

Le concessionarie ti esonerano totalmente dalle responsabilità burocratiche, prendendosi carico di tutta la parte documentale.

Inoltre, acquistando da una concessionaria o da un’agenzia dedicata, c’è sempre la possibilità di richiedere un finanziamento che ci permetta di non pagare tutta la somma di denaro in un’unica soluzione.

Qualora avessi bisogno di richiedere un prestito per l’acquisto della tua nuova auto, puoi contattarci compilando il modulo che trovi alla fine di questo articolo. Un nostro consulente ti ricontatterà trovando con te la soluzione più indicata per la tua esigenza.

Se vuoi sapere di più sui finanziamenti o sui prestiti auto, clicca qui.

Valutare la propria auto

Per potere valutare al meglio la propria auto è importante tenere in considerazione differenti fattori poiché tutti concorrono ad influenzare la valutazione della stessa. Vediamo gli elementi principali:

  • Estetica: l’auto non deve essere mai sporca o con danni evidenti
  • Meccanica: un check a batteria, motori, freni è necessario. Il loro buono stato attestato da una manutenzione regolare permette di mantenere alto il valore dell’auto anche nel tempo
  • Chilometri: troppi chilometri non vanno bene, un’auto vissuta è probabilmente anche un’auto consumata; così come pochi chilometri non vanno bene poiché indicano un’auto che ha la tendenza a stare ferma.
  • Immatricolazione: la svalutazione è dietro l’angolo, per cui il tempo che passa contribuisce ad abbassare l’importo della quotazione finale.

Hai altri dubbi? Prova a compilare il modulo che trovi qui sotto, un nostro esperto sarà a tua disposizione!

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Whatsapp
Whatsapp
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.