Prestito cure mediche

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin

Una tipologia particolare di prestito è quello per le cure mediche e permette di ottenere della liquidità così da poter affrontare importanti spese per la salute, interventi necessari o particolari proprio come potrebbero essere la chirurgia estetica o i trattamenti di bellezza.

Rientrano in questa categoria dunque non solo gli interventi chirurgici, i trattamenti di bellezza e la chirurgia estetica, ma anche i trattamenti fisioterapici e riabilitativi, le cure dentistiche e odontoiatriche e le spese per le persone non autosufficienti come le case di cura o l’assistenza per malati.

Dunque, se ti stai chiedendo se è possibile richiedere prestiti per cure mediche, la risposta è assolutamente sì!

I prestiti per cure mediche possono essere richiesti in due modalità differenti, a dipendenza della tipologia di finanziamento di cui necessitiamo.

Cure mediche: Prestito finalizzato

Molte volte le cliniche specialistiche offrono già questa tipologia di trattamento. È possibile dunque ipotizzare il pagamento per un intervento di chirurgia estetica a rate, oppure un vero e proprio finanziamento per spese bellezza.

In questo caso il vantaggio risiede nella semplicità e velocità della pratica, dove la somma finanziata viene immediatamente riconosciuta alla clinica. Attualmente ciò avviene per le cliniche in Italia, sebbene stia in ogni caso alla struttura decidere se offrire o meno questo tipo di servizio. Molti italiani però, è altrettanto vero, pare prediligano rivolgersi agli istituti di chirurgia plastica in Albania o, addirittura, ai centri di chirurgia estetica a Fiume Croazia.

Una volta dunque avuto il finanziamento e il piano di ammortamento, all’utente che ha chiesto il finanziamento per spese mediche, non resta altro da fare che pagare le rate del prestito secondo quanto è stato previsto dal piano di rimborso deciso in fase di accordo.

Spese mediche: Prestito liquidità

Diversamente dal prestito finalizzato, il prestito liquidità rappresenta pure sempre un finanziamento per spese salute ma, oltre alla quota richiesta, ad esempio, dal prestito per intervento chirurgico, è possibile richiedere una somma di denaro aggiuntiva per far fronte ai cosiddetti costi imprevisti che, altrimenti, non sarebbero erogabili in alcun modo.

Ovviamente, è necessario che la somma totale rientri nei criteri stabiliti per il prestito a liquidità. Anche in questo caso è possibile richiedere il prestito per rifarsi il seno a rate, optare per una rinoplastica a rate, o anche utilizzare il prestito per cure dentali.

Anche in questo caso l’iter della pratica di finanziamento è semplice e veloce.

Il contratto

Come detto già in precedenza, questa pratica differisce da clinica a clinica, sebbene il prestito per cure mediche possa essere emesso anche da altri istituti creditizi e finanziari. Quindi alla domanda “è possibile avere un finanziamento per rifare il seno a rate in Italia?” la risposta sarà la stessa della domanda “rifarsi il seno in Croazia, è possibile a rate?”

Tuttavia è importante riconoscere degli elementi validi che accompagnano ogni contratto che si rispetti e che, per semplicità e comodità del lettore, indicheremo in elenco puntato qui di seguito poiché è ciò che contraddistingue – in Italia – per legge, un contratto di prestito per spese dentistiche o mediche.

  • Il tasso di interesse, specifico di TAN e TAEG, applicato da contratto
  • Condizioni ed oneri aggiuntivi, incluse eventuali more per ritardi sui pagamenti
  • Totale del finanziamento corredato delle modalità di erogazione
  • Numero di rate con relativi importi e scadenza di ognuna
  • Eventuali condizioni per cui si incorre nell’eventuale modifica del tasso annuo effettivo globale
  • Tutti gli oneri esclusi dal calcolo del TAEG e, per ognuno di essi, la relativa causale
  • L’esplicazione di tutte le garanzie richieste
  • Le coperture assicurative richieste ed esplicate

In ogni caso è possibile richiedere un’estinzione anticipata del finanziamento, qualsiasi esso sia. La legge, infatti, garantisce la possibilità di estinguere in maniera anticipata il prestito. In questo caso, oltra a dover dare un rimborso del capitale residuo, incorre nella possibilità di pagamento di una penale che però, in ogni caso, non deve superare l’1% della somma totale del finanziamento.

Hai bisogno di un prestito per dentista? Compila il modulo che trovi alla fine dell’articolo per avere maggiori informazioni.

Cure mediche all’estero

Quante volte hai sentito dire “ho appena fatto una rinoplastica in Croazia”, o ancora “mi sono affidata a un centro di chirurgia estetica in Albania”. Insomma, sono ormai molte le persone che preferiscono i paesi esteri e valutano positivamente la possibilità di rifarsi il seno in Romania, piuttosto che rifarsi il naso in Albania.

Come abbiamo detto su però in questo caso si va incontro alle cosiddette politiche di rischio poiché ogni istituto applica una propria politica nel valutare le richieste che sopraggiungono. Quindi magari in un posto sarà possibile intervenire sul seno a rate, beneficiando di questa opportunità di finanziamento, ma non è detto sia possibile farsi una rinoplastica in Albania.

Tutte le politiche di basano sul credit scoring, ossia su dati stati statistici che rappresentano lo strumento necessario che permette ad ogni istituto di tenere sotto controllo eventuali insolvenze e non rischiare un crack finanziario per mancanza di liquidità.

Inoltre è molto importante anche il livello di reddito, poiché l’accettazione di ogni proposta è normalmente sottostante alla valutazione finanziaria di chi richiede il pagamento a rate. Insomma, è norma assicurarsi che il debitore sarà poi in grado di tenere fede all’accordo e saldare con costanza ogni rata.

In ultimo, non però meno importante, tocchiamo proprio il punto dell’affidabilità creditizia, dove non è in alcun caso sotto osservazione la morale, bensì il livello di rischio associato alla richiesta proprio sulla base di informazioni trasmesse dalla Centrale dei Rischi. Un’altra differenza, in effetti, tra un’addominoplastica in Croazia e una in Italia è proprio questo.

Se la storia creditizia del cliente è già segnata da segnalazioni, la probabilità che gli venga finanziato un qualsiasi importo è davvero bassa. In situazioni del genere, infatti, in Italia sono valutabili altre soluzioni, quale potrebbe essere ad esempio la Cessione del Quinto.

Il tutto deriva comunque dal fatto che questi prestiti per cure mediche sono erogati sostanzialmente da istituti finanziari e banche che, sebbene non richiedano requisiti specifici, resta di primaria importanza avere un reddito certo e una posizione creditizia di valore quale sinonimo di affidabilità.

Hai bisogno di un prestito per cure mediche?

Compila subito il modulo, riceverai una consulenza gratuita e, supportato dai nostri esperti, sceglierai la soluzione più adatta a te.

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.