Cessione del Quinto: le Garanzie Richieste

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

La cessione del quinto è un prestito personale dedicato a dipendenti e pensionati. In merito ai dipendenti sarà possibile richiedere la cessione del quinto solo se assunti con contratto a tempo indeterminato. Nel caso in cui foste interessati ad un preventivo di cessione del quinto, cliccate qui ed inoltrateci la vostra richiesta. Si aprirà una nuova pagina nella quale si dovranno inserire pochi dati.

Cessione del quinto: chi può richiederla?
Come detto prima la cessione del quinto è un prestito personale dedicato a dipendenti assunti a tempo indeterminato e pensionati. La cessione del quinto è concessa anche se cattivi pagatori, protestati o pignorati. Essendo un prestito così flessibile prevede alcune garanzie minime fra queste la modalità di rimborso delle rate e solo per i dipendenti, il vincolo del TFR.

Cessione del quinto: modalità di rimborso delle rate.
Mensilmente l’importo della rata di una cessione del quinto viene rimborsata dall’azienda (per i dipendenti) o dall’ente previdenziale. Infatti in entrambi i casi ogni mese sarà trattenuta al cliente (dipendente o pensionato) l’importo della rata del finanziamento; questa sarà poi versata a favore della finanziaria o banca erogante.
Ad esempio Mario Rossi percepisce un reddito come dipendente di € 1000,00 mensili. La rata della cessione del quinto sottoscritta ammonta ad € 200,00. Mensilmente l’azienda tratterrà dalla busta paga € 200,00 a titolo di rimborso della rata della cessione del quinto e questo importo lo verserà alla finanziaria. Mario Rossi pertanto riceverà dall’azienda un bonifico o assegno di € 800,00 (€ 1.000,00 stipendio – € 200,00 rata cessione del quinto).

Cessione del quinto: garanzie aggiuntive se dipendenti.
In questi casi il cliente sottoscriverà il vincolo del TFR accantonato a favore della finanziaria. Nel caso in cui il dipendente interrompa il rapporto di lavoro con l’azienda, quest’ultima dovrà versare il TFR accantonato a quella data a favore della finanziaria al fine di estinguere totalmente o parzialmente il debito residuo. E’ logico che nel caso in cui il debito sia inferiore al TFR accantonato, la parte in eccedenza sarà versata a favore del dipendente.
Viceversa se il TFR non è sufficiente ad estinguere tutto il debito residuo, il cliente dovrà rimborsare la differenza a favore della finanziaria.

PrestitoA.it 

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+
Cessione del Quinto: le Garanzie Richieste ultima modifica: 2012-11-23T09:46:58+00:00 da prestitoa