Caparra Affitto: Restituzione, importi, penali e interessi legali

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin

Caparra Affitto: Restituzioni, importi, penali e interessi legali

La caparra affitto è una delle spese che emergono quando si prende in locazione un immobile – come una casa per uso abitativo o un locale ad uso commerciale – insieme ad altri oneri come, tra i più noti, le spese di trasloco.

La caparra affitto consiste in un importo – spesso pari a tre volte il canone mensile – che l’inquilino deve cedere al proprietario dell’immobile al momento della stipula del contratto con finalità di garanzia. La caparra per affitto è una cauzione a garanzia del proprietario dell’immobile: egli infatti  potrebbe utilizzarla per coprire eventuali spese a seguito di danni che l’inquilino potrebbe causare all’immobile durante il periodo del contratto d’affitto.

Caparra Affitto: restituzione della caparra affitto

Nei casi in cui l’inquilino non causi danni all’immobile preso in affitto e non sia indietro con i pagamenti dei canoni di locazione la caparra affitto verrà, invece, restituita interamente all’inquilino stesso. In questo caso, quindi, il proprietario dell’immobile è obbligato alla restituzione caparra affitto all’inquilino.

Generalmente prima del trasloco il proprietario o l’inquilino redigono una relazione sull’immobile in cui viene descritto il contenuto e lo stato di conservazione, indicando eventuali difetti già presenti al momento della stipula del contratto. Tale documento sarà considerato per individuare e riconoscere eventuali danni che l’inquilino ha causato all’immobile o all’arredo dell’immobile stesso: in questo caso la caparra affitto sarà utilizzata per coprire le spese.

Come accennato, la caparra affitto può anche essere utilizzata per coprire eventuali canoni di locazione non versati.

Caparra Affitto: qual è l’importo da versare?

L’ammontare dell’importo che l’inquilino deve versare al proprietario dell’immobile è disciplinato dalla legge. Infatti, secondo l’articolo 11 – legge 392/78 del codice civile, la caparra affitto è pari a tre mensilità di locazione in cui non vanno considerate le spese condominiali.

Caparra Affitto: è vero che genera interessi legali?

Una particolarità della caparra affitto da pochi conosciuta è legata al fatto che essa genera interessi legali, in quanto si tratta di un prestito che l’inquilino fa nei confronti del proprietario. Quest’ultimo potrà restituire la caparra affitto maggiorata di interessi legali:

  • – mensilmente,
  • – annualmente
  • – al termine del contratto di locazione.

Prendiamo come esempio un contratto d’affitto con un canone mensile di 500 euro. La caparra affitto in questo caso sarà pari a 1500 euro (500 euro x 3 mensilità). Considerando i classici 8 anni di contratto (4+4), e prendendo come date di inizio e fine contratto il primo gennaio 2006 e il 31 dicembre 2013, il proprietario non dovrà restituire solo la caparra affitto di 1500 euro, bensì anche gli interessi legali di euro 250 circa per un totale di 1750.

Si può versare la caparra affitto in vari modi, contanti, assegno, bonifico, ma la cosa più importante è farsi certificare il versamento della caparra affitto, soprattutto nel caso in cui la si versi in contanti. Altri metodi per versare la caparra affitto sono la fideiussione assicurativa o la fideiussione bancaria, dove è l’istituto a offrire la garanzia per l’importo pari alla caparra affitto, dietro pagamento del premio che vale per tutta la durata del contratto.

Caparra Affitto: come sostenere le spese

Per far fronte all’onere della caparra affitto è necessario disporre di un’importante livello di liquidità. Può succedere, però, che al momento in cui si debba cambiare casa, non si sia in possesso della somma necessaria per poter versare tale caparra, e affrontare anche le altre spese come quelle del trasloco, acquisto di mobili per arredare la casa ecc..

In questi casi si può pensare di chiedere un finanziamento per poter spalmare tutte queste spese nel corso del tempo. Parte degli interessi, comunque, verranno restituiti dal proprietario perché calcolati come interessi legali sulla caparra affitto.

Desideri avere una consulenza e reperire i fondi necessari per trasferirti nella tua nuova casa? Vuoi affrontare con più serenità le tue spese di trasloco, la caparra affitto e l’acquisto per l’arredo?Richiedici subito una consulenza gratuita. Compila il modulo che troverai cliccando qui. Inserisci i tuoi dati, che verranno trattati nel massimo rispetto della privacy, e in meno di 24 ore verrai subito contattato da un nostro consulente che ti consiglierà come puoi finalmente trasferirti nella tua nuova casa.

Scopri come ottenere un prestito per la caparra affitto!

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 commenti su “Caparra Affitto: Restituzione, importi, penali e interessi legali