Richiedere la surroga del mutuo è possibile. Scopri come!

L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+

Sono passati già diversi anni da quando hai acceso un mutuo e adesso non sei più soddisfatto delle condizioni contrattuali? Magari perché quest’ultime non sono poi così vantaggiose come in passato? In questi casi si può ricorrere alla Surroga del Mutuo, o comunemente conosciuta anche come portabilità del mutuo. Scopriamo insieme di cosa si tratta e come richiederla.

Cosa si intende per surroga del mutuo?

Introdotta con la Legge Bersani del 2007, la surroga del mutuo è una tipologia di contratto che offre la possibilità di trasferire il finanziamento, attualmente in essere, in un altro istituto creditizio che abbia condizioni più vantaggiose. Tale procedimento permette infatti di mantenere l’ipoteca del vecchio mutuo e rinegoziare le condizioni del mutuo, come la sua durata, i tassi d’interesse applicati e l’importo della rata mensile da rimborsare.

      

Quali costi prevede la surroga del mutuo?

Se stai già pensando di mettere mano al portafoglio puoi stare tranquillo. In termini di costi, richiedere la surroga del mutuo, non comporta alcun tipo di spesa da parte del mutuatario, come previsto dal Decreto n.40 del 2007.

Grazie a questa legge, i costi notarili della surroga mutuo, così come le spese di istruttoria della pratica e quelle per la perizia dell’immobile non saranno a carico dell’intestatario ma saranno a carico della banca che subentra con il nuovo contratto. E’ possibile anche trasferire i costi dell’assicurazione del mutuo o, in alternativa, chiederne il rimborso e stipularne una nuova presso il nuovo istituto di credito.

La decisione del cliente di trasferire il mutuo presso una nuova banca non può essere contestata dal vecchio istituto di credito né questo può addebitare dei costi aggiuntivi per il trasferimento.

E’ importante comunque non confondere la surroga del mutuo con la sostituzione del mutuo. Vediamo perché.

Che differenza c’è tra surroga del mutuo e sostituzione del mutuo?

La sostituzione del mutuo permette di chiedere alla nuova banca un secondo mutuo attraverso il quale estinguere il vecchio finanziamento. Proprio perché prevede l’accensione di un nuovo finanziamento, optando per la sostituzione, sarà necessario farsi carico di tutte quelle spese legate all’apertura della nuova pratica contrattuale.

Di conseguenza, mentre per la sostituzione del mutuo le spese sono a carico dell’intestatario del finanziamento, la surroga del mutuo, come abbiamo detto in precedenza mantiene in essere l’ipoteca iscritta con la vecchia banca e delega al nuovo istituto di credito tutti gli altri costi.

Quindi, sia che il finanziamento sia stato da poco avviato sia che tu stia arrivando verso la fine del contratto, optando per la surroga del mutuo potrai alleggerire la rata di rimborso mensile e questo ti aiuterà a continuare a rimanere in pari con il pagamento delle rate e non rischiare di far fatica ad estinguere il debito.

I professionisti del team di PrestitoA saranno al tuo fianco per guidarti affinché tu possa ottenere il miglior finanziamento conforme alle tue necessità.

 

Richiedi contatto

Per ulteriori informazioni i professionisti del team di PrestitoA saranno al tuo fianco per provvederti la soluzione ideale ai tuoi bisogni. Compila il modulo di contatto e sarai prontamente contattato per assisterti secondo le tue esigenze.

Richiedere la surroga del mutuo è possibile. Scopri come! ultima modifica: 2018-09-21T16:03:42+00:00 da prestitoa
L'articolo è interessante? Condividilo!Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+